COMUNICA, scrivi...

 

 

 

Divieto di copia, soltanto lettura via web(c)

A modo mio riflessione organizzativa con le ali della fantasia costruttiva

v     Il 21 aprile di ogni anno  dal 753 a.C.  si ricorda la fondazione da parte di Romolo della  città di Roma e questo tipo di ricorrenza in simile data e mese viene denominata "Il Natale di Roma, vale a dire: Roma fondata che in origine era conosciuta sotto la denominazione del nome Romaia, ovvero con traduzione latina Dies Romana), tale data venne avallata anche  da M.T. Varrone uomo di cultura di quel tempo nonchè militare romano, nacque a Rieti nel 116 a.C. e l'ultimo respiro avvenne a Roma nel 27 a.C. Sia nell'Epoca romana che con la caduta del Sacro Impero romano che durante la politica di Benito M. nel 1921, questa data della fondazione di Roma, 21 aprile è stata il riferimento per sostenere ideologie e patti non romanticisitici: seppure ci piace ricordare che una delle città annoverate tra l'antichità, nonostante tutte le insidie e i chiacchiericci a volte d'obbligo, la città di Roma, oggi Metropoli è una delle più ambite méte di turismo artistico e religioso.

A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione su Pace, pacificazione e ideali costruttivi al fine di bene e di concordia tra i Popoli e per la dignità del ruolo delle nella Società spesse volte da considerare opinionisticamente settaria-  autrice " Mammì Maria Grazia, edit. e scrittore -(the true, don't imitation's (c)-)20 Aprile 2015 - lieta di ricevere corrispondenza a questo indirizzo mailØ info@mamm-mariag.it

v     8 marzo 1945-8 marzo 2015, da 70 anni, questa,  la giornata dedicata alla donna mediante il simbolismo della mimosa si ricordano le battagie che la donna ha sostenuto per far riconoscere i propri diritti fondamentali nella società civile al pari dei diritti dichiarati inalienabili per il sesso maschile, questo  anche a ricordo di tragedie avvenute sui  posto di lavoro a carattere femminile poichè prive di tutele per la vita delle lavoratrici questi avvenimenti tragici la storia ne ricorda con evidente confusione ed offuscamento  di tragedie lavorative a mero danno sulla vita delle lavoratrici stesse fatti storici, dalla  pre-decade del 1900, è fondamentale ricordare la conquista del diritto al voto della donna sin dalla fine della guerra.

A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione su Pace, pacificazione e ideali costruttivi al fine di bene e di concordia tra i Popoli e per la dignità del ruolo delle nella Societò spesse volte da considerare settaria-  autrice " Mammì Maria Grazia, edit. e scrittore -(the true, don't imitation's (c)-)8 Marzo 2015 - lieta di ricevere corrispondenza a questo indirizzo mailØ info@mamm-mariag.it

v        Siamo alle solite... Però ci conforta che il Presidente degli Stati Uniti d'America nel suo discorso di commiato ha annunciato che la recessione in questo "big Country" la recessione economica è terminata; punto di domanda: perchè non prendiamo lezione, esempio da questo Paese così tanto ambito da tutti?

Scherzi a parte, l'economia del nostro Paese è stata dichiarata in ottima posizione di avanzamento, ma... gli scioperi dei lavoratori poichè in attesa di rinnovo contratto di lavoro e i Lavoratori in cassa integrazioni da Società in evoluzione economico e se poi dopo avere ridimensionato l'azienda o addirittura in fase di chiusura i cassa integrati non otterranno più alcune occupazione?

Un Presidente della Repubblica Italiana dimessosi per età avanzata dopo due anni c.a di rinnovo mandato (e gli Italiani lo ringraziano per la sua sacrificata esistenza politico-sociale del periodo di Presidenza, benchè si è trovato come attività di impegno statale -super partes-), avrebbe potuto lasciare in eredità seppure aleatoria una rosa di candidati da considerare e  che si considerano anch'essi -Super partes- giusto per avere a livello comunitario un'idea di validi collaboratori in corner.

L'aridità dei problemi dunque da ogni parte, dalle economie non proprio in idealità funzionali al terrorismo Internazionale che pur facendo, pure incutendo in tutti gli animi timore, la creatività di strategia per arginare questi turbolenti disagi per le Popolazioni e i singoli, ad esempio i sequestrati che ancora non sono stati rilasciati e per coloro che non ritorneranno più in quanto dichiarati giustiziati in nome i ideologie che potranno essere sanate soltanto attraverso il dialogo tra i contendenti e in ultima analisi a mezzo di mediatori; anche da questi caotici comportamenti su e da Paesi considerati extra comunitari, si evidenzia per le popolazioni povere un peggioramento della situazione politico, economico, sociale e religioso, non si può pensare di sopprimere persone per l'alterigia di ideologia religiosa; tutti alla propria maniera pacifica teniamo in buon conto le convinzioni di Credo religioso e non per questo dichiariamo guerra a chi non condivide la nostra Fede singolare, pace e pacificazione l'assoluto mediante dialogo reciproco. Preserviamo la vita di ogni Essere umano. Pensiamo alla bellezza e letizia dei periodi di festa delle proprie ricorrenze di Credo religioso, anche in nome di questi eventi: Concrdia, pace,Peace, Paix!

A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione su Pace, pacificazione e ideali costreuttivi al fine di bene e di concordia tra i Popoli -  autrice " Mammì Maria Grazia, edit. e scrittore -(the true, don't imitation's (c)-)25/Gennaio/2015" - lieta di ricevere corrispondenza a questo indirizzo mailØ info@mamm-mariag.it .

 

Ricorrenza nazionale: 2 giugno,  festa del la Repubblica Italiana, questo giorno  deve rimanere nel ricordo degli Italiani di origine, per non dimenticare gli eventi che hanno portato ad una radicale modifica dell'assetto di tipologia di uno Stato una svolta referendaria: dal la Monarchia al la Repubblica il 2 giugno 1946, il primo Capo di Stato  nel luglio dello stesso anno fu eletto De Nico la , il primo Presidente del Consiglio De Gasperi  e via via nel susseguirsi del tempo e nei 2 anni seguenti, costruendo anche la Costituzione, normativa dello Stato Italiano. 

A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione sul ricordo storico-politico referendario che ha cambiato l'assetto giuridico del Paese autrice art." Mammì Maria Grazia, edit. e scrittore -(the true, don't imitation's (c)-)01/Giugno/2014" - lieta di ricevere corrispondenza a questo indirizzo mailØ info@mamm-mariag.it per costruttivo scambio di opinioni.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Si è verificato l'arrivo dei migranti in massa di gruppi distanziati, alcuni non ci sono più per incidente di percorso, altri approdati, si sono dati al la sommossa di caos poichè non contenti del trattamento, del luogo e che vogliono essere liberi, come cittadini Italiani senza riserve.

La Costituzione garantisce accoglienza anche di persone che provengono dall'estero e fuori dal trattato di Schengen, però il rispetto delle normative del Paese ospitante vanno rispettate; un conto è considerarsi schiavi al la mercè di un regime che tiene i pugni stretti, altro paio di maniche è adeguarsi nel la civiltà del la considerata nuova Terra che per i migranti si può considerare "promessa"; i migranti  sono una risorsa nel Paese che li ospita, però dato che siamo in uno Stato all'avanguardia del la civiltà non occorre fare caos programmato per porre in cattiva luce tutto questo. Là dove ci sono approdi in massa e poi in un'iso la del tipo di Lampedusa in Sicilia, gli approdati stessi non è dignitoso da parte loro dichiararsi in una sofferenza di "schiavismo" non è così; organizzativamente dal punto di vista umanitario, si agisce secondo le proprie risorse per mantenere gli ospiti in attesa di altra destinazione, e perchè no, per i non sinceri ritornare nel proprio luogo di origine; dunque le  aspettative sono infinite per le persone che provengono da altri Paesi, ma pure essi devono armarsi di pazienza in attesa di un provvedimento definitivo che si ritiene con gli scarponi delle lungaggini ma non sarà mai contro la civiltà e i diritti umani. Pertanto gli eventi di risanamento "scabbia" persone che si sono esibite nude in un cortile, non andava fatto altro che con molto garbo, con molta attenzione educativa, di cambiare posizione di atteggiamento, quando si teme parassitosi collettiva sorge inoltre il problema psicologico di non adempiere in tempo per non fare al la rgare tale fasi di infenzioni di livello basso o di livello importante, vi sono state accuse affrettate che nell'immagine degli Operatori dei campi profughi non avente intenzioni di sormontare il diritto umanitario anche a livello sanitario; in sintesi la disciplina insieme al la coerenza comportamentale da parte di ambedue le parti è fondamentale e mai mil la ntatoria dato che si tratta di persone che essendo approdate in un Paese con proprie Leggi del settore, in prima fase non possono andare al la ventura per poi non potere trovare un'occupazione e vivere al la mercè degli eventi incontrol la ti.

Auguri di serenità, comunque sia nel nostro Paese per i migranti è sempre un punto di riferimento umanitario.

A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione sul la politica economica del Paese a carico del cittadino corretto e attento a e di accoglienza dei migranti; la dinamica di giudizio: Mammì Maria Grazia, edit. e scrittore -(the true, don't imitation's)24 Dicembre 2013 - lieta di ricevere corrispondenza a questo indirizzo mailØ info@mamm-mariag.it per costruttivo scambio di opinioni.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Dolce e delizia LA NUOVA SERVICE TAX, per qualcun altro: sofferenza anche in immagine comportamentale...

...."La tassa sui servizi indivisibili offerti dai comuni. È calco la tax sul valore catastale ed è pagata dai proprietari e per una picco la quota, tra il 10 e il 30%, anche da chi la occupa"

A proposito del la "Nuova Service Tax" se non erro, secondo comma come si suole dire in gergo, a riguardo del la tassa sui servizi indivisibili, calco la ta sul la rendita catastale e fatta pagare una quota marginale tra il 10 e il 30 per cento agli inquilini; ciò leggendo, si deduce che i proprietari di case hanno la meglio sugli inquilini, in quanto loro pagherebbero delle quote in meno sulle loro rendite catastali aggravando il cittadino medio che non ha possibilità di acquistare una abitazione a soccombere con una tassa in più specialmente a pro di quei proprietari che hanno l'obiettivo di vessare sugli inquilini che necessitano dei servizi normali ed indipendenti quali il contatore di acqua di consumo dello stesso individuale e non cumulativa, in pratica anche se esiste un divisionale nelle varie abitazione, la fattura da pagare è cumu la tiva con unico contatore di conteggio, se qualche inquilino decide di non pagare o di dire per non pagare che il suo contatore divisionale consuma troppo ma l'acqua viene erogata in eccesso dagli stessi ecco che si verifica lo squilibrio da chi paga effettivamente e chi consuma che non vuole  pagare ponendo in primo piano anche la dicitura "pago l'affitto" per il resto si arrangino chi pensa sia motivato a pagare anche varie eccedenze non documentate ma riscontrate sul contatore generale; pertanto oltre al la motivazione illusoria del mancato pagamento del la propria quota, qui scatta anche l'essenza del la privacy non rispettata nei confronti di chi fa il proprio dovere sul contatore divisionale; e, le motivazioni dei sedicenti proprietari "il contatore singolo non si può implimentare" si tratta di motivazioni di comodo per i non pagatori i quali forse si rendono molto affettuosi in amicizia con i proprietari.

In sintesi, facendo pagare un 10 o più per cento all'inquilino sul la rendita catastale di abitazione non propria risulta a mio avviso "iniqua" se proprio sono necessari contributi per l'Ente pubblico di tale portata in percentuale sul la pelle degli inquilini, occorre pensare ad altro metodo, aumentando ad esempio la singola quota di raccolta rifiuti, del cinque o/dieci/o-e/quindici per cento, ma non sul la rendita catastale del proprietario dell'abitazione bensì sulla quota che l'utente in affitto ha sempre pagato; penso ad un aumento anche nei confronti dei vileggianti titolari di seconda abitazione vacanziera.

E poi essere umiliati da quei proprietari che con strafottenza compiono soltanto azioni di non verità a volte con inquilini compiacenti sil la sorte velleitaria.

Tale comportamento di conteggio rappresenta l'iniquità verso l'inquilino, che il più delle volte a pagare in più è colui o sono coloro che hanno sempre pagato da cittadini corretti.

Non pare che il re la tore di questa decisione di aggravio tra il 10 e il 30 per cento su una rendita catastale non di proprietà dell'inquilino, abbia avuto lui stesso un barlume di coscienza, ovvero, si tratta di supremazia incosciente di chi pontifica e poi va al la riscossa senza giudizio; Che non me ne vogliano i Lettori per questo sfogo, però una domanda è dì obbligo:  inquilino schiavo in qualche caso vessato due volte o più? 

In tutta probabilità qualcuno avendo il vizio del gioco a carte pensa che con questi metodi aleatori e di divagamento possa venire in possesso delle parti decisionali di Stato, o  di Governo; volendo primeggiare senza pensiero a volte servendosi pure delle proprie amicizie che condividono il proprio comportamento discutibile, scherzi a parte.

Ognuno comunque  è sensibile nel proprio ambito di dignità personale...

A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione sul la politica economica del Paese a carico del cittadino corretto e attento al la dinamica di giudizio: Mammì Maria Grazia, edit. e scrittore -(the true, don't imitation's)16/Ottobre/2013 - lieta di ricevere corrispondenza a questo indirizzo mailØ info@mamm-mariag.it per costruttivo scambio di opinioni.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 

Il podio non sempre fa audience in maniera adeguata.

L'altra sera dall'alto del Podio Parla mentare, incluso il ns Presidente del la Repubblica Italiano, ho seguito  arringhe giornalistiche e dichiarazioni varie su: Amnistia sì oppure no.

L'ultima volta che noi Italiani ci siamo recati alle Urne, io, durante la campagna elettorale, in proprio ho espresso la tesi, che in regime elettorale, chiunque sia come partito che come singolo candidato avesse espresso il desiderio e conseguente promessa di far varare la Legge per   persone avendone il diritto trovandosi  in regime di restrizione carcerarie o di reati  in sede giudicante, quel candidato o quel partito proponente al quale appartenesse avrebbe potuto avere più voti rispetto ad un altro; in campagna elettorale occorre dare voce anche agli Elettori che non sono inseriti legalmente in un partito facente parte.

Dunque, non in campagna elettorale ed in sede attuale sì?

Qualcuno forse non essendo bene orientato presenta il problema come attualità di oggi e non di ieri? Dunque discutiamone in Par la mento e affidiamoci per il programma al Ministro attuale del la Giustizia.

La mia rubrica "Opinioni" l'ho aperta per porre in evidenza ciò che appare più coerentemente corretto. 

Cosa ne pensa Signor Ministro, di tutte le persone oltretutto in attesa di giudizio?

In tali questioni e problematiche annose quasi, quasi, assistiamo, attraverso i mezzi di comunicazione, discussioni in fase allegoricamente come scenari da chiozzotte veneziane, quando si tratta di argomentazioni serie per la vita di civiltà sociale in un Paese.

Vero? O no?...

Oppure il cittadino che pone in evidenza importanti problematiche da risolvere anche in Par la mento e non soltanto, a livello di Commissioni, è visto un poco come il fumo negli occhi anche in assenza di fumatori?

A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione sul la casualità del vivere pacifico, di nobile austerità e per convergenze dei consessi di politica e del la pacificazione serena nell'attuale realtà L. per graziare le pene di piccolo taglio più o meno; articolo di : Mammì Maria Grazia, edit. e scrittore -(the true, don't imitation's)9/Ottobre/2013 - lieta di ricevere corrispondenza a questo indirizzo mailØ info@mamm-mariag.it per costruttivo scambio di opinioni.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 

----------------------------------------------

TERRA PROMESSA... MA, PER CHI? Dopo gli ultimi eventi di approdo migranti, le forze di impiego da parte della nostra Nazione sono elevate, dunque la risposta di richiesta aiuto alla Comunità Europa è stata quella che lìItalia ha ricevuto molti più contributi del previsto per questi eventi irrazionalmente imprevedibili, chi non ha visionato i bilanci di concessione e ricevimento denaro per aiutare i "profughi" ci crede, però si tratta di sovvenzioni per la prima emergenza e non di mantenimento vista l'alto tasso demografico approdato. Pertanto di fronte a questi eventi indefinibilmente giustificativi, la Comunità Europea ed in qualche maniera Internazionale, dovrebbe sondare in ognuno dei propri Paesi, nelle territorialità cercare di accogliere le persone che dell'Italia intendono soltanto un punto di riferimento di prima accoglienza; persone che potenzialmente e lo vogliamo credere con tutta la nostra positività d'animo che ambiscono ad inserirsi in ambienti, Paesi non belligeranti e non coercitivi, ed ottenere in tutta umiltà di inserimento un posto di lavoro per potere vivere con la propria famiglia; un poco di comprensione e sforzo per donare  una serena quotidianità e dignità sociale a persone che fino all'approdo in Italia dai loro racconti si ipotizza siano vissuti in un caotico dramma quotidiano per via della instabilità politica ed economica nel proprio Paese di origine.

A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione sul la casualità del vivere pacifico, di nobile austerità e per convergenze dei consessi di politica e del la pacificazione serena nell'attuale realtà di immigrazione non programmata; articolo di : Mammì Maria Grazia, edit. e scrittore -(the true, don't imitation's)6/Ottobre/2013 - lieta di ricevere corrispondenza a questo indirizzo mailØ info@mamm-mariag.it per costruttivo scambio di opinioni.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

TERRA PROMESSA... MA, PER CHI?   Ancora una comitiva di extracomunitari giunta a Lampedusa in Sicilia, ancora una volta dramma sul la povera pelle di immigrati che cercano di scappare dal loro paese al la ricerca di un la voro che sostenti in maniera appagante se stessi e la loro famiglia e non solo, queste persone vanno al la ricerca di nuovi Mondi, di una Terra che seppure non è quel la promessa col proprio ingegno sia da conforto per una quotidianità vivibile rispetto al loro decantato Paese di origine.

Una domanda è d'obbligo però... Se queste persone per la loro traversata marina pagano un "fior di prezzo per il loro trasporto" come mai non si ingegnano a chiedere un permesso di espatrio legale, forse il costo di tutta la dinamica di "affrontare" il loro progetto seppure primario costerebbe meno, sarebbe più "a buon mercato" piuttosto che affrontare la traiettoria a mezzo traversata marina con la mediazione di personaggi organizzatori non ben definiti nel la loro immagine di correttezza, chiamiamo la "professionale".

Dunque se le persone decidono di sporcarsi con un'avventura che spesse volte volge al la fine del la loro vita materiale e non solo, ci sono varie congetture da esternare:

o queste persone che desiderano espatriare legalmente sono monitorate da c la n locali che desiderano i loro Connazionali in Patria e basta, oppure si tratta di persone che monitorano gli aventi diritto al la legalità di espatrio pretendendo una maggiorazione tariffa rispetto a quel la che legalmente ogni Stato fa affrontare in caso di richiesta documentazione e visto oppure, le persone che si avventurano sui barconi andando al la "ventura con la politica di dinamica come va, va..." ed in questo caso ci troverebbe eventualmente di fronte a persone che hanno da farsi perdonare legalmente qualche reato commesso nel loro medesimo Habitat di origine e d'intorno, oppure ci si trova davanti a persone che pur avendo l'ambizione di migliorare il loro futuro non possiedono cultura, sono in pratica ignoranti anche a livello di espressione del la loro medesima identità ed ecco allora che potremmo ipotizzare nei confronti di questi personaggi "ignoranti di cultura e di prassi" amm/va in preda di persone che fanno profitto su di loro, sub alterando le realtà di vita ed ecco che ci si trova di fronte a "circonvenzione" di persone che sono sì dotati di intelligenza ma che essendo nel la condizione di non conoscenza del la realtà sono "creduloni" e si la sciano trainare in avventure a volte che alienano la loro medesima esistenza.

Per lo più i Paesi di espatrio dai luoghi sono Terre povere, attanagliate dalle turbolenze del la orde da caste, non vige equilibrio e conseguente pace; luoghi dunque di depacificazione, questo spiega a volte la presenza sugli scafi di minorenni senza i genitori o persone che possiedono la Patria potestà!

In sintesi il significato di questo mio articolo di considerazione è che occorrerebbero normative di programmazione e non di ressa di avvicendamenti dai Paesi di provenienza verso Località come le nostre che si trovano nelle vicinanze "dall'altra parte del la spiaggia di fronte"; Una normativa di equilibrio e non di alienazione dell'Essere umano che immergendosi, quasi come buttarsi in un pozzo pensa in maniera positiva come per dire "tra i molti anche io sono e sarò ancora uno degli eletti per la nuova Terra (quasi promessa psicologicamente)..

A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione sul la casualità del vivere pacifico, di nobile austerità e per convergenze dei consessi di politica e del la pacificazione serena nell'attuale realtà di immigrazione non programmata; articolo di : Mammì Maria Grazia, edit. e scrittore -(the true, don't imitation's)3/Ottobre/2013 - lieta di ricevere corrispondenza a questo indirizzo mailØ info@mamm-mariag.it per costruttivo scambio di opinioni.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Non è debolezza.

Argomentazioni urgenti si possono identificare in: opzioni per la pace nel mondo, politica economica e del walfer.

Opzioni per la pace nel mondo non significa affrontare un argomento a livello sentimentalistico, ma umanesimo e politica umanistica vanno di pari passo. Questa argomentazione taluni la pongono all'ultimo posto delle problematica del la Società civile e coerentemente itinerante.

Non  è possibile la vorare al meglio se nel proprio Paese non vive la pace o la pacificazione, si tratterebbe di una falsa organizzazione societaria là dove ci si considera in un clima di pacificazione ma a ferri corti contingente, e di natura voluttuaria, politicamente instabile e coercitiva; chi guarda dall'esterno, tutto questo lo considera fattibile ad occhi chiusi,  chi vive nel caos più atroce, catatonicamente recepisce la paventata  stabilità in maniera non opportuna.

Attacchi di forze belliche nei Paesi di scontro e di contro vicendevole non servono a molto; ci si compiace soltanto di avere vittimizzato chi appariva ribelle.

Dialogo, è il coraggio del proprio egoismo a pari passo con la Società in evoluzione ordinata, dunque perchè non porre il proprio egoismo di persona di stato a servizio del dialogo pacifico per la propria Nazione in cammino verso il vero sviluppo di politica economica, del welfare, ovvero del lavoro e della concordia dei valori tra le varie fazioni.

A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione sulla casualità del vivere pacifico,  di nobile austerità e per covergenze dei consessi di politica e della pacificazione serena nell'attuale caotica Siria, articolo di : Mammì Maria Grazia, edit. e scrittore -(the true, don't imitation's)5/Settembre/2013 info@mamm-mariag.it 

 ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 

Ci siamo dunque anche per questo 2013, è il mese di agosto il più ambito dai vacanzieri il meno desiderato da chi di vacanze conosce soltanto il vocabolo.

Esseri umani di serie superiore e di serie inferiore? Non è obbligatorio andare in vacanza al di là delle proprie possibilità economiche, ma, un periodo di divagazione al di là del la solita territorialità operativa è legittimo.

Non soltanto ambizioni e desideri che a volte rimangono nel dimenticatoio come  il c la ssico abito che si ammira in vetrina, desiderosi, dopo averlo visto di possederlo e poi... si passa avanti.

I vari aspetti drammatici dell'esistenza porta il pensiero oltre la sfera logica. Si afferma che il primo giorno dell'anno è quello che insieme al 31 dicembre appena trascorso, ogni persona compie il proprio bi la ncio fattivamente o soltanto mentalmente pensando al proprio compleanno futuro per perfezionare questo concetto; ed invece si dovrebbe mettere in conto anche la data del 31 luglio, anche questa oggetto di attenzione.

Le responsabilità personali sia nell'ambito del proprio la voro che di famiglia porta al la conseguenza storica: ho compiuto le azioni e le operatività in maniera conforme al la mia indole di dignità umana?

Non sempre è così pur non rendendosene conto....

Pensiamo ai deragliamenti dei treni per incuria,  ai veicoli di ogni genere che provocano incidenti  senza attenzione, ai drammi famigliari dove si è aggiunto il reato che di frequente viene denominato "femminicidio", ma è proprio questa la ragione: "femminicidio"? Oppure si tratta di coinvolgimenti da parte di terzi che per loro motivi di sciacal la ggio sul la vita degli altri portano i soggetti a prevalere sul la vita dei propri cari, sul la "pelle" delle proprie mogli o fidanzate o semplici amicizie; chi commette un reato specialmente a danno del la vita non sempre è una persona folle, ma il più delle volte viene colpito dal la disperazione ad opera di altri, e a volte apparentemente si tratta di motivazioni senza fondamento e poi si scopre che forze che operano per il male, si trovano nel proprio quartiere, tra gli amici più affettuosi, persino nel la propria famiglia. Pertanto la calura a volte è un deterrente che porta al male, ma ancora di più si tratta di ingerenze di cura sottocutanea che alle spalle sferragliano "il pomo(lo) dell'ignominia per fare naufragare l'esistenza e la leicità del prossimo non debole, ma onestamente credulone.

Un pensiero a quanti si trovano in difficoltà di restrizione del la propria libertà per motivi umanitari e politici, per tutte le persone in attesa di fare riconoscere i propri diritti umani e conseguenti; ai poveri di strada che in coincidenza del la propria situazione di povertà si trovano a ragionare con accattonaggio.

Il desiderio che la politica sociale nazionale ed internazionale, trovi equilibrio tra il fare e l'essere effettivamente e non effimero, come di solito ci si va a confrontarsi con arroganze.

Sia che tu ti rechi in un luogo di vacanza che  tu rimanga nel la tua abituale abitazione: Felice periodo di riposo annuale!

A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione sulla casualità del vivere pacifico,  di nobile austerità e per covergenze dei consessi di politica, articolo di : Mammì Maria Grazia, edit. e scrittore -(the true, don't imitation's)1/Agosto/2013 info@mamm-mariag.it 

Nel caso in cui questo articolo sia di interesse di testata giornalistica al fine di pubblicazione su: quotidiani e riviste, pregasi contattare la relatrice "Mammì Maria Grazia all'indirizzo mail:  info@mamm-mariag.it "

@

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 

Si fa tanto par la re del la cittadinanza alle persone di etnia diverse nati in Italia.

Non ritengo sia un problema di omofobìa e neppure di alienamento personale, di logistica morale certamente;

Quando qualcuno nasce in una famiglia o nell'assetto del vivere di una gestante single o con compagno, scatta, nei confronti del minore nato: la Patria potestà a seconda il criterio di famiglia dove era o è nato il nascituro.

Dato che le considerate "etnie diverse dagli Italici" possiedono in ogni caso una propria identità nazionale propria del Paese di origine, è giusto che il minore fino al compimento degli anni 18 rimanga nel la posizione del la sua etnia di origine, poichè i genitori lo sono, a meno che questi ultimi  non abbiano già conseguito la "Cittadinanza Italiana" in virtù dell'attuale Legge del decennio e in qualche caso del quinquennio.

In sintesi, se il minore dipende dal la famiglia di origine come patria potestà occorre attendere comunque, i canonici 18 anni di formazione culturale del minore in oggetto, ed in questa tempistica, il minore stesso potrà scegliere o meno la "Cittadinanza" che più ritiene onestamente opportuno di possedere;  per i minore a metà percorso, raggiunti gli anni 18 meno tre mesi, l'Ente pubblico di residenza dovrà inviare loro una lettera di approvazione o meno di rimanere in Italia con la qualifica di "cittadinanza" ma non da persona "profana" di quelle persone che dicono "tanto me la danno lo stesso al compimento del 18 anno di età... Tutti al raggiungimento di tale età considerata da "persona matura" deve dare sfoggio anche del la propria cultura sul la Costituzione e il proprio pensiero sui diritti Civili canonici vigenti nel Paese stesso e di ampia conoscenza culturale in assonanza delle Norme dei diritti civili e di altro legale genere dell'Europa, dettame sia di vigenza nazionale, ovvero Italiana che di vigenza Europea e conoscenza del Parlamento. Bontà sempre ma con un occhio alle situazioni che occorre rispettare. A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione sulla giustificazione del vivere pacifico, e con nobile austerità per covergenze dei consessi di politica Italiana, Europea ed Internazionale, articolo di : Mammì Maria Grazia, edit. e scritt/or/e/rice -(the true, don't imitation's)1*luglio/2013"  

@

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 

Dolce e delizia per buone Leggi in Parlamento? Rinnoviamo la Legge elettorale e nessun componente del Parlamento nutrirà timore sulle buone decisioni da realizzare. Una innovativa Legge elettorale: Parlamento adeguatamente rinnovato in base alla giusta valutazione del responso da parte dei voti espressi dall'Elettore. I party in casi del genere servono soltanto a trascorrere insieme agli amici una serata allegra pur motivando il party per decisioni "dabbene" Non credete?

A conti fatti: In ogni caso ad ognuno la libertà di giudizio! "Una opinione sulla casualità del vivere pacifico,  di nobile austerità per covergenze dei consessi di politica, articolo di : Mammì Maria Grazia, edit. e scrittore -(the true, don't imitation's)2/maggio/2013 info@mamm-mariag.it 

@  

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Pagina precedente

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 

Divieto di copia, soltanto lettura via web(c)